Tag Archives: Io e La Tigre

INDIANA PLAYLIST ESTATE

PlaylistMagGiu

Cari amici di INDIANA, eccoci con la rovente playlist dell’estate con o senza ombrelloni, con o senza tormentoni. Godetevela tutta dalla prima all’ultima traccia, come sempre ricca di sonorità eterogenee. Molte le donne presenti: Mara Redeghieri, Chrysta Bell, Ginevra Di Marco, Julia Stone, Orelle, Io e la tirgre e Ibeyi. Buon divertimento!

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

ROCCO LOMBARDI: DA SIDE-MAN A PRIMO CITTADINO DEL RITMO

Cover-JANUARY 2016 DEF easy

Inauguriamo il 2016 con un bellissimo numero di INDIANA MUSIC MAGAZINE dedicato a Rocco Lombardi: il batterista svizzero ripercorre con noi la sua ormai lunga esperienza musicale, dal vivo e in studio, in una lunga intervista che delinea la carriera del nostro attraverso i suoi modelli musicali, un approccio e una sensibilità tutti personali, i lavori registrati in studio – largo spazio all’ultimo album GiG, esordio come solista – e le esperienze live, con amici e compagni di viaggio di lunga data. Un’intervista di cui siamo particolarmente contenti e che vi invitiamo a leggere. A seguire, le recensioni selezionate questo mese: Mèsico, Io e La Tigre, The Chanfrughen. Ma non è tutto! Cliccare sulla copertina per credere.

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

MY FAVOURITE THINGS 2015/KATIA

katia

Non potevo che partire da loro, dalle gemelle Ibeyi, il cui omonimo disco mi ha piacevolmente tormentata per quasi tutto il 2015. Nella mia playlist dell’anno ho inserito la loro River, primo singolo, ma avrei potuto mettere anche moltissime altre tracce piene di spunti provenienti dai generi più disparati: spiritual, elettronica, r’n’b, hip-hop, soul, jazz, musica etnica afro-caraibica. Il secondo brano appartiene a uno di quei dischi da molti definito fra i più belli dell’anno, DIE di Iosonouncane, e il suo titolo è Carne, brano prog di infinita bellezza e completezza. Il terzo è l’elettro-pop Imperfezione, ottima sintesi del mondo sonoro di Meg, artista che non ha bisogno di presentazioni ma solo di nuovi proseliti a ogni suo nuovo progetto. Divertente, originale, sincera, Meg è un esempio per le nuove generazioni di musicisti e cantautori che vogliono scegliere uno stile tutto loro. Una di questi è senz’altro Mimosa Campironi, attrice che ha debuttato nel mondo discografico con La terza guerra, ottima prova ricca di idee e che qui è rappresentata dalla struggente Fakhita, dedicata a una prostituta. Segue la morbidissima, decadente, a tratti stridente ballata L’ultimo saluto – L’addio tratta dal secondo album da solista di Dellera, bassista degli Afterhours, Stare bene è pericoloso, un disco  che omaggia smaccatamente il rock anni ’60 e ’70. Il pop elettronico dalle venature soul H-Pt1 è il brano perfetto dei Terzo Piano, band di Cava dei Tirreni che ha debuttato con Super Super e che meritava di entrare in questa lista per la sua disarmante orecchiabilità. Il “sorriso sonoro” di Erica Mou emerge prepotente da Niente di niente, estrapolato da Tienimi il posto, un album in cui la cantautrice ci insegna soprattutto come si può giocare con la voce, senza strafare, interpretando fino in fondo una canzone. Impossibile non inserire un pezzo di Sananda Maitreya per rappresentare il 2015 in musica per me. Intervistarlo è stato un onore e I wanna breathe è uno dei pochi brani che nell’ultimo complesso e interessante album The Rise of the Zugebrian Time of Lords ha un legame con la vita precedente dell’artista, quando in sostanza si faceva chiamare Terence Trent D’Arby e non pensava ancora al Post Millennium Rock. Il pezzo parla del caso di Eric Garner, ennesimo afroamericano ucciso da un poliziotto bianco americano. Indecisissima fino all’ultimo su quale traccia scegliere dal loro primo album, 10 e 9, alla fine ho inserito la languida I Santi. Sto parlando di IoelaTigre, duo femminile che alterna punk a ballate dolcissime che aveva già colpito la mia attenzione con il suo primo Ep. Chiudono le mie preferenze due autori diversissimi tra loro: Colapesce, con il suo stratificato elettro-pop Copperfield, tratto dal secondo album Egomostro, tutto da ascoltare, e Salvo Ruolo con Malatempu (disponibile attraverso Bandcamp), prima traccia dell’affascinante Canciari patruni ‘un l’è bittà che racconta il Risorgimento dalla parte delle popolazioni del Sud. Un album folk appassionante sia per le vicende raccontate che per la sua ricchezza sonora creata soprattutto da strumenti acustici. Buon ascolto! (Katia Del Savio)

https://salvoruolo.bandcamp.com/track/malutempu

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

INDIANA PLAYLIST DICEMBRE

IndianaPlaylistMorningCari amici di Indiana, vi diamo appuntamento al 2016 lasciandovi con l’ultima playlist dell’anno ricca di suggestioni sonore. Non lasciatevele scappare! A presto con le nuove avventure dei tre piccoli indiani.

spotify:user:katiadelsavio:playlist:3eKP0gv6ELMUboQnyUwiqU

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

INDIANA PLAYLIST NOVEMBRE

INDIANA PLAYLIST LillaQuadrato

Quatrantatre minuti di pura musica indie vi aspettano se siete pronti ad ascoltare la playlist che vi abbiamo preparato questo mese. Ad aprire le danze i lanciatissimi C+C=Maxigross con la loro An afternoon with Paul, seguiti dal post rock dei Novalisi, qui con il brano Ma Vecchio. L’elettro-pop-rock dei Terzo Piano (H-Pt1) precede la strumentale Welcome Ada di Adriano Viterbini con Bombino e l’industrial Happiness di IAM(X). Il dream-pop degli Armaud (Patterns) lascia il posto alla successiva, scanzonata ma non troppo, Camper di Bonetti. Lose the right dei The Dead Weather fa irruzione con la voce di Alison Mosshart prima della delicatissima I Santi, canzone che anticipa l’uscita dell’album di Io e la Tigre. Chiudono l’INDIANA PLAYLIST di novembre il groove dei Lebowski di Una vita disarmata e la decadente e imprevedibile Frankie dei livornesi La Maison. Buon ascolto!

 

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

IO E LA TIGRE – IO E LA TIGRE EP – AUTOPRODUZIONE 2014

IoELaTigre

Il duo composto da Aurora Ricci (Io, voce e chitarra) e da Barbara Suzzi (La Tigre, batteria) spacca subito con il brano di apertura punk-rock Sottovuoto. A questo seguono altre cinque tracce che compongono l’esplosivo Ep fatto di rabbia, in La mia collezione impossibile Io recita: “Se mi ridi ancora in faccia io ti strapperò la buccia e ti afferrerò in un morso e poi ti sputerò via”, di dolcezza languida in stile sixties de Il lago dei ciliegi (qui sotto potete trovare il video), di strazio amoroso (la cover di Cuore, canzone francese poi tradotta in italiano e portata al successo da Rita Pavone, qui rifatta in versione rock). L’ep del duo, che militò anni fa nel gruppo Lemeleagre, si conclude con la ballata Daddy song e con un brano di puro punk inserito nel disco all’ultimo momento: Producers. Un po’ Pussy Riot, un po’ Carmen Consoli, un po’ Patti Smith e un po’ Nada, le romagnole Io e La Tigre mescolano mondi diversi con naturalezza, sensibilità e divertimento. (Katia Del Savio)

http://www.ioelatigre.wordpress.com

http://www.facebook.com/pages/IO-e-la-TIGRE

Tagged , , , , , , , , , , ,
%d bloggers like this: