Tag Archives: North Europe music scene

10 WAVES OF YOU, FIELDS OF VENUS, 2015

10 Waves of You

Potrei senza grandi sforzi riassumere tutto con una semplice quanto riduttiva definizione, “canzoni provenienti da un altro mondo.” Il mio uso del condizionale, però, apre evidentemente le porte ad altre e più interessanti descrizioni. Il lavoro di Luca Crivellaro, infatti, non parte da così lontano, nello spazio, ma si puntella nei ritmi della quotidianità scoprendo quanto di bello e di “alieno” può esserci in ognuno di noi. Ad emergere con una sicura forza artistica dalle sette tracce dell’album – strumentale con l’esclusione di due brani, First Lights from Venus e Underground Water – è un sound profondamente umano disposto a raccogliere dall’altro quanto di sorprendente la vita può dare. Aggrappato a un mood post-rock tipicamente nordico à la Mogwai, per intenderci, Luca Crivellaro si apre a un racconto affascinante e a tratti onirico che solo nella curiosa copertina del disco mantiene la sua natura astrologica e siderale. Comunque lo vogliate catalogare il progetto solista di 10 Waves of You potrebbe un giorno o l’altro fare il caso vostro e arricchire il ventaglio di occasioni sonore. (Matteo Ceschi)

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

IDEE SONORE DALLA SEMPRE MUNIFICA SVEZIA

Sound of Sweden_01

Non dovremmo puntare il naso all’insù, quella posizione sarebbe più consona per le nostre orecchie e favorirebbe certamente l’intercettazione di nuovi esaltanti suoni dal Nord Europa. Tra le tante (davvero tante) e recenti proposte che arrivano dalla patria del Nobel, la Svezia, mi sento di segnalare i nuovi singoli dei Kinetics e Caviare Days. I primi, una realtà ben affermata sulla scena pop/indie scandinava e internazionale, escono in questi giorni con un omonimo EP (Grammofonbolaget Deluxe) che raccoglie il meglio dei lavori usciti sul web e per le radio negli ultimi tre anni e propone con il nuovo singolo Yank Me Out Of Neutral una coinvolgente miscela di sonorità contemporanee e di reminiscenze corali del passato. La seconda proposta, quella della band capitanata dalle sorelle Lina and Maja Westin di Stoccolma, si spinge, invece, decisamente verso ambientazioni più rock. Like Me, che anticipa l’uscita di un omonimo EP (Label 259), riaccende la passione per il sound psichedelico, anche quello più pop di matrice francese, e lo fa con la zampata killer da hit dei più noti connazionali ABBA. Le voci di Lina & Maja, vi artiglieranno fino a farvi temere di essere stati risucchiati in un vortice spazio temporale. Se non siete mai stati hippy, questo è il momento buono per cominciare ad esserlo! (Matteo Ceschi)

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
%d bloggers like this: